L’arrivo della primavera, sempre più spesso purtroppo, coincide anche con il periodo delle classiche allergie stagionali da polline di cui oggi soffre un numero sempre maggiore di persone, questi pollini, provocano una risposta immunitaria anomala che si manifesta in una vasta gamma di sintomi rinite, orticaria, asma, shock anafilattico. Le cause non sono ancora chiare, si ipotizza che possano essere dovute ad una predisposizione genetica, a condizioni di stress, ai pesticidi o addirittura alle onde elettromagnetiche. La condizione allergica più comune è la rinite allergica, che è una reazione allergica causata dal passaggio di pollini nelle vie aeree e nasali. I pollini che inducono la febbre da fieno sono provenienti sia da alberi che da erbe spontanee. La rinite allergica oltre che dai pollinipuò essere scatenata anche da allergeni presenti nei peli degli animali oppure veicolata dagli ormai famosi acari della polvere. In questo particolare caso, l’allergia può perdurare anche tutto l’anno. tea tree Per contrastare i fattori scatenanti le reazioni allergiche è necessario ridurre al minimo il contatto con gli allergeni. Sarebbe opportuno nel periodo di massima pollinazione fare una doccia prima di dormire per rimuovere il polline, soprattutto da viso e capelli. Potrebbe essere di sollievo anche effettuare un irrigazione nasale (passaggio delle cavità nasali di soluzioni idrominerali, a scopo terapeutico). Uno dei metodi più semplici è il cosiddetto jala neti, (utilizzato nella medicina Ayurvedica), che consiste nel far entrare il liquido in una narice per mezzo di un piccolo recipiente noto come lota e farla uscire contemporaneamente dall’altra narice.

Le Allergie Respiratorie peggiorano se la dieta non è varia

Si consiglia di cambiare alimentazione, introducendo soprattutto alimenti che aiutano la flora batterica intestinale, responsabile delle nostre difese immunitarie, ad essere sana e in equilibrio. Sono da preferire, alimenti integrali, frutta e verdura cruda in abbondanza ed alimenti probiotici e prebiotici. Da evitare tutti gli alimenti trattati con sostanze chimiche e pesticidi, coloranti, conservanti e, in generale, ingredienti di dubbia provenienza, contenuti soprattutto nei cibi precotti, nelle merendine, nei cibi confezionati e non freschi. Additivi come la tartrazina e i benzoati stimolano la produzione di un composto che aumenta il numero dei mastociti nell'organismo, questi ultimi sono coinvolti nella produzione dell'istamina e di altri mediatori che provocano la reazione allergica. Si consiglia, quindi, di cucinare pietanze nutrienti a base di ingredienti freschi e provenienti da agricoltura biologica. Ormai è risaputo che, più è lungo il tempo di conservazione di un alimento, maggiori sono le probabilità che esso contenga derivati delle proteine come l’istamina. Ribes nigrum

Alimenti che devono essere evitati

Coloro ai quali l'allergia si manifesta principalmente sotto forma di rinite dovrebbero evitare di mangiare alimenti scatenanti reazioni allergiche, alimenti cioè ricchi di istamina. No a lattee latticini, cioccolato e tutto ciò che contiene zucchero, in particolare quello bianco e raffinato, gelati e bibite dolci e fredde; attenzione anche a uova,noci e noccioline, molluschi e salumi, ad alcuni frutti quali kiwi, fragole, arance, e ad alcune verdure quali zucchine e spinaci. Questi alimenti, e in particolar modo i latticini, provocano un'ipersecrezione di muco nei soggetti allergici che hanno una minor capacità di eliminare le tossine, la cui azione si ripercuote in particolare a livello respiratorio. Inoltre, l’individuo allergico ha il fegato in sovraccarico: perciò è bene che eviti oltre ai succitati latticini, anche le proteine animali in eccesso e le solanacee pomodori, peperoni e melanzane.  

Antistaminici naturali dove possiamo trovarli

In natura esistono alcuni alimenti, sostanze nutritive e piante che hanno la capacità di donare sollievo in caso di allergie, e possono essere considerati dei veri e propri antistaminici naturali. Il Ribes Nigrum può essere utilizzato contro raffreddore da fieno, congiuntiviti, eczemi, dermatiti e bronchite allergica. I suoi principi attivi stimolano le ghiandole surrenali, e favoriscono la produzione naturale di cortisolo, ben tollerata dall'organismo in grado di contrastare l'azione dell'istamina, responsabile del manifestarsi delle reazioni allergiche. Può essere utilizzato sotto forma di gemmo-derivato. L’Elicriso è, attivo contro forme allergiche respiratorie e intestinali. Si può utilizzare come decotto. In caso di pruriti ed eczemi, applicare le compresse imbevute di decotto sulle parti interessate per 15 minuti. In caso di tosse e spasmi bronchiali si consigliano due-tre tazzine di decotto al giorno. La Vitamina C oltre all’azione antistaminica è coinvolta nel contrastare i radicali liberi e nella sintesi del collagene. Tra gli alimenti più ricchi di vitamina C troviamo, carote, broccoli, cavolfiori, limoni, pompelmo, lattuga e banane. I flavonoidi, in particolar modo la quercitina, aiutano l'organismo a prevenire il rilascio di istamina e di altri composti che possono provocare infiammazioni ed allergie. Sono considerate buone fonti di quercitina cipolle, mele, prezzemolo, broccoli, legumi e la lattuga. Agli acidi grassi essenziali omega 3 viene riconosciuta la capacità di ridurre le reazioni allergiche attraverso le loro proprietà antinfiammatorie. Gli acidi grassi omega 3 sono contenuti, in grandi quantità nei seguenti alimenti, semi di canapa, semi di lino, semi di chia, broccoli, lattuga, cavolo verde ed alghe. curcuma Le erbe aromatiche ed officinali sonoconsiderate utili in caso di allergia, poiché ricche di componenti in grado di prevenire o di ridurre il rilascio di istamina, le più attive sono zenzero, curcuma, echinacea, basilico, finocchio, aglio, liquirizia. Il tè verde oltre ad essere un ottimo antiossidante può essere utilizzato in caso di allergia, in quanto il suo contenuto di quercitina e di catechina contribuisce a prevenire e a ridurre il rilascio di istamina L’ortica è un antistaminico naturale in grado di agire molto rapidamente. E' possibile assumere l'ortica sia sotto forma di tisana e/o decotto. ortica ll Rooibos, è efficace contro le allergie per via del suo elevato contenuto sia di antiossidanti che di sostanze antinfiammatorie, grazie alle sue qualità può essere utilizzato per disintossicare l’organismo dalle tossine. Trattandosi di una bevanda naturale, l'infuso di rooibos è privo dell'effetto collaterale costituito dalla sonnolenza, tipico degli antistaminici di sintesi. Inoltre questo tè può essere bevuto in assoluta tranquillità, perché privo di teina, caffeina e con apporto calorico pari a zero. Il Noni è un frutto ricco di costituenti ad alto valore nutritivo. Il succo, che ne deriva, è caratterizzato da un'ampia quantità di sostanze metabolicamente attive come vitamine, minerali, enzimi, antiossidanti e bioflavonoidi, utili nel contrastare le reazioni allergiche. Inoltre sono presenti le cumarine ed in particolar modo la scolopetina che esercita un’azione antinfiammatoria ed antistaminica. Il Tea Tree oil è un arbusto sempreverde che cresce spontaneo in Australia il cui olio essenziale può essere inalato attraversosuffumigi in presenza di riniti allergiche, ha la capacità di svolgere un’efficace azione decongestionante, fluidificante sulle vie respiratorie. L’utilizzo combinato e prolungato di tutti questi rimedi e la costanza nella cura vi daranno ben presto giovamento alle crisi allergiche di questa primavera ormai inoltrata. Ed il prossimo anno l’allergia potrebbe essere solo un ricordo (o quasi). Lorena