Ogni chakra è un centro di energia, dal quale si diparte tutta la vitalità contenuta all’interno del nostro corpo, verso i punti nevralgici dell’organismo ed ogni centro energetico ha la sua funzione specifica. Spesso risulta complicato riuscire a risvegliare l’energia che nutre il nostro corpo ed ecco che allora la meditazione, lo yoga, vengono in nostro aiuto. La meditazione infatti, riguarda proprio il risveglio dell’energia. E’ chiaro che ci sono diverse tipologie di meditazione che agiscono su ognuno dei nostri sette chakra. Alcune discipline orientali come lo yoga, si basano sull’equilibrio degli elementi che costituiscono l’essere umano e partono proprio dalla meditazione. Ma non serve imparare tecniche complicate per liberare a risvegliare i nostri centri energetici. Primo Chakra

Cosa è il Primo Chakra

Viene chiamato Muladhara, il primo chakra del nostro sistema ed è posizionato alla base della nostra colonna vertebrale, proprio poco sotto l’osso sacro. Rappresenta il nostro sistema sottile e per riattivarlo, esistono diversi metodi, tutti collegati – come dicevamo – a pratiche di meditazione e rilassamento. Uno tra i metodi più semplici ed efficaci per consentire a questo di rilassarsi e risvegliarsi, liberandosi dalle tensioni, è sicuramente quello di sedersi a terra, in modo che esso poggi direttamente a contatto con la Madre Terra. La posizione del loto, ma anche quella a gambe incrociate sono entrambe ottimali. Associando a questa posizione la meditazione ed un mantra per il primo chakra, si otterranno ottimi risultati.
Risvegliare uno dei propri chakra non è di certo un gioco da ragazzi. E’ utile predisporre il proprio ambiente alla meditazione, in modo da risultare più profondamente coinvolti. 1 chakra

Come Prepararsi alla Meditazione per Aprire il Primo Chakra

Prima di iniziare la meditazione sui chakra bisogna essere certi di avere un ambiente che agevoli la cosa. E’ necessario trovarsi infatti all’interno di un angolo che sia tranquillo ma soprattutto confortevole. Dopo aver predisposto l’ambiente, potrete accendere candele o bruciare l’incenso per pulire l’aria del vostro ambiente. Importante anche l’utilizzo della musica perché ogni tipologia di musica provoca una diversa reazione a livello corporale e mentale. Per esempio nella musica indiana solitamente le composizioni musicali sono improvvisate appositamente per fornire un effetto diverso sul sistema. Durante la meditazione bisognerebbe immaginare il suono come una forza che pian piano si espande e crea un’armonia. Anche la voce svolge una funzione non secondaria. Utilizzare le vibrazioni che produce il suono della nostra voce pronunciando magari un mantra, potrebbe aiutare a raggiungere un più profondo stato meditativo.  

Esercizio di Meditazione per il Risveglio del Primo Chakra

Conosciamo diversi esercizi molto utili che consentono il risveglio del primo chakra: uno di essi si basa su una meditazione piuttosto comune che prevede il rilassamento lucido del corpo.
Per iniziare, è necessario che il corpo stia in una posizione seduta, con palmi delle mani rivolti verso l’alto e le mani sulle cosce. Tenendo chiusi gli occhi, bisognerà calmare la respirazione per lasciare la possibilità al chakra di risvegliarsi. Abbandonarsi al mantra che avrete utilizzato, sarà il segreto per consentire ed agevolare il risveglio.
Una volta terminata la seduta, non sarà difficile sentirsi rigenerati e profondamente rilassati: l’obiettivo è infatti quello di riuscire a sprigionare energia positiva, allentando le tensioni accumulate durante le nostre giornate. Meditazione Chakra